Primo Seminario sul Bilinguismo – Jesi

L’incontro fissato per Domenica 18 Dicembre, presso il Centro per l’infanzia BIM BUM BAM di Jesi, è rivolto alle famiglie che vorrebbero imparare insieme una lingua straniera con Hocus&Lotus e il modello del Format Narrativo.

In questo seminario potrete saperne di più sul bilinguismo, sulle sue potenzialità e su come una famiglia monolingue possa imparare con successo e piacere una nuova lingua.

Durante l’incontro saranno presentate le diverse possibilità che le famiglie possono scegliere per educare i propri figli al bilinguismo.

Sarà anche fatta una dimostrazione pratica dell’attività del format narrativo.

Quando si pensa al bilinguismo nel nostro territorio, si pensa subito e “solo” alla lingua inglese, pensando subito ad una sorta di alleggerimento per il futuro lavorativo dei nostri figli, tralasciando però quelli che sono i tanti e importanti benefici cognitivi che i nostri figli traggono dall’apprendere una lingua, qualunque essa sia.

Il modello delle Avventure di Hocus&Lotus è l’unico esistente in più lingue (inglese, francese, tedesco, spagnolo e italiano per stranieri), il seminario è quindi aperto anche a chi per vari motivi vuole introdurre una di queste lingue in ambito familiare e anche a quelle famiglie in cui già un genitore è di madrelingua straniera, ma trova difficoltà a trasmettere la sua lingua ai figli.

L’iscrizione al seminario è obbligatoria,  mandando una mail a:

info@diventareecrescerebilingui.com

Scarica il volantino.

Ma che cosa significa essere una famiglia bilingue?

Essere una famiglia bilingue significa, vivere quotidianamente esperienze in due lingue differenti.

“Ma chi ha una famiglia monolingue come fa ad imparare veramente un’altra lingua?”

“Riescono i bambini ad assimilarla già così piccoli se non la parlano in continuazione, come fanno con l’italiano?”

Queste sono le prime domande che mi vengono fatte alla mia affermazione “Diventare una famiglia bilingue…. SI PUO’”. La ricerca ha dimostrato che il fattore più importante che favorisce l’apprendimento di una lingua da parte di un bambino è la componente affettiva. E allora, chi meglio dei genitori può creare le condizioni ottimali per l’apprendimento della seconda lingua?

Così scrivevo in un articolo un paio d’anni fa.

Da allora ho avuto il piacere di incontrare e confrontarmi con molti genitori interessati ad un percorso di apprendimento linguistico altamente coinvolgente a livello familiare.

Tra le motivazioni troviamo:

  • “…per cercare di offrire a nostro figlio un’opportunità in più di crescita e di sviluppo…”

  • “…ho sempre ammirato/invidiato chi si muoveva con disinvoltura da una lingua all’altra…”

  • “…ho sempre avuto la passione per le lingue straniere…”

Tra gli interrogativi maggiori il non sentirsi didatticamente preparati e/o non avere particolare fiducia nelle proprie abilità, e poi a seguire:

  • come iniziare

  • quale approccio è il più corretto

  • come interessare e coinvolgere i figli

Avendo una mamma francese, per me e per la mia famiglia è stato ed è tutto così naturale e bello che vorrei avere una bacchetta magica per far vivere a molte famiglie la mia stessa esperienza.

Ma lavorando sul campo, proprio per l’apprendimento delle lingue già in età prescolare, lavorando con playgroups, dove cioè la presenza del genitore è parte attiva e importante dell’apprendimento, e soprattuto grazie ai miei continui studi e approfondimenti in glottodidattica infantile e nell’apprendimento delle lingue nella prima infanzia, ho potuto rileggere e quindi comprendere la naturalezza e la bellezza del mio bilinguismo, e dare quindi il giusto supporto a genitori di madrelingua italiana.

Questa mia grande fortuna, ha trovato nel modello psicolinguistico del format narrativo una spinta e una forza unica. Nel percorso di formazione per diventare Magic Teacher infatti, mi si sono chiariti tutti quegli episodi di rifiuto alla produzione e tutti quei blocchi emotivi avuti in determinate situazioni, mi si è spiegato il caos che la mia mente ha dovuto gestire e superare con l’incontro del libro di testo….aspetti, difficoltà e sensazioni che oggi posso anche spiegare con parole, con risultati di ricerca e non solo con esempi pratici e intuizione.

L’articolo è stato pubblicato su www.mammeancona.it

Scarica il volantino.

Mascia Calcich

Interprete e Traduttrice

Esperta in Glottodidattica Infantile

Insegnante Magica Certificata e Practical Trainer del Metodo delle Avventure di Hocus&Lotus

Consulente per progetti di Bilinguismo infantile e adulto in ambito personale, famigliare, sociale, scolastico e professionale
Cell. 392/4913325
www.diventareecrescerebilingui.com
FB Diventare & Crescere Bilingui
FB Independent Usborne Organiser – Mascia Calcich
TW: //twitter.com/DeCBilingui

www.masciacalcich.com

Condividi su:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone
0